Le 3 regole per avere successo con l’IoT ed ottenere un vantaggio competitivo

L’Internet Of Things (IoT) è in continua crescita. Molte aziende hanno già iniziato a realizzare progetti con questo tipo di tecnologie.

Ma quante riescono veramente ad ottenere i vantaggi competitivi aspettati? A dire il vero, non molte. Di conseguenza tante aziende rimangono scettiche ad adottare tecnologie e progetti IoT preferendo attendere la maturità, la stabilità, ulteriori casi di successo e tutti i possibili miglioramenti dei prossimi anni. Niente di più sbagliato.

Le aziende che riusciranno ad ottenere il massimo da queste soluzioni hanno capito il ruolo che l’IoT gioca nell’evoluzione del business e hanno già iniziato ad investire.

Se non hai ancora iniziato un progetto IoT allora sei nel posto giusto.

Ecco alcuni importanti passi che ti raccomandiamo di seguire per iniziare il tuo percorso di trasformazione digitale creando un vantaggio competitivo sostenibile per la tua azienda.

1) Svolgi con successo alcuni progetti pilota  
2) Sviluppa una strategia IoT
3) Comunica i cambiamenti  

Svolgi dei progetti pilota (PoC)

Il primo progetto IoT dovrebbe focalizzarsi sull’esito piuttosto che sull’innovazione, che significa una cosa semplice, parti in piccolo.

Scegli un progetto che puoi realizzare in poco tempo e con un budget limitato, ma che metta in evidenza le potenzialità per il tuo business. Un piccolo successo mostrerà il potenziale del progetto è potrà essere utilizzato come esempio anche per altri dipartimenti e stakeholder.

Trova un partner affidabile con cui lavorare. Un partner che abbia l’esperienza per poter sviluppare e portare in produzione i tuoi progetti. Il partner ti aiuterà a gestire le tre fasi, e ti saprà consigliare le aree dell’azienda che potrebbero maggiormente beneficiare delle soluzioni IoT. 

Sviluppare progetti IoT è complesso. La quantità di applicativi software, l’infrastruttura IT, le reti Wi-Fi, e i sistemi di Workflow utilizzati in azienda sono molti. Di conseguenza, il partner al quale ti affidi dovrebbe disporre di un buon ecosistema di aziende e tecnologie da poter utilizzare in caso di necessità.

Scegli la tecnologia più adatta. Una caratteristica importante dell’azienda a cui ti appoggerai per realizzare i tuoi progetti è una buona conoscenza dello stack tecnologico da utilizzare per raggiungere i tuoi obbiettivi di business. Sul mercato sono presenti moltissime tecnologie e protocolli per implementare progetti IoT. A colpo d’occhio potrebbe sembrare difficile identificare quelle adatte a risolvere il problema designato, per questo è importante effettuare una ricerca preliminare, e discuterne insieme al partner (qua un articolo che descrive come scegliere una piattaforma IoT).

Le tecnologie più adatte per realizzare progetti IoT sono quelle libere, non proprietarie, che possano essere utilizzate con un piccolo investimento iniziale, ed integrate all’interno dell’azienda con il minimo dello sforzo. L’importante è riuscire a portare in produzione soluzioni IoT semplici, altrimenti  gestirle sul lungo termine diventerà costoso e complicato.

Concentrati sui risultati.  Affinchè un progetto IoT abbia successo è necessario che garantisca un buon ROI (Return on Investment), per farlo è importante definire degli obiettivi prima di inziare. In generale: misura il ROI, definisci una timeline e definisci le metriche che identificano la riuscita del progetto.

Sviluppa una strategia IoT

La strategia che elaborerai sarà la guida per la trasformazione digitale dell’azienda. Una sorta di roadmap che consentirà alla tua azienda di migliorare sfruttando tecnologia e connettività. Questo cambiamento permetterà all’azienda di evolvere ed individuare nuovi modelli di business. 
 
È importante che partecipino alla pianificazione tutti gli stakeholder dell’azienda, in particolare coloro che sono focalizzati su digital. In un articolo pubblicato da Deloitte, si nota che molte aziende hanno difficoltà nel coinvolgere attivamente i propri collaboratori nello sviluppo di una strategia IoT.
 
La strategia dovrebbe essere sviluppata insieme a coloro che saranno più coinvolti nel cambiamento.
 

Come determinare le aree in cui l’IoT può fare la differenza? Non esiste una risposta standard a questa domanda, l’azienda partner può fornire delle indicazioni utili da cui partire, ma saranno i progetti pilota che con i risultati faranno capire la direzione da seguire.

Comunica i cambiamenti

È essenziale che tutto lo staff sia al corrente con i cambiamenti in atto. Dai soci fondatori ai dipendenti, dai partner ai clienti, tutti i reparti dell’azienda devono conoscere ed essere aggiornati sui cambiamenti in corso. 

Le comunicazioni devono essere chiare, precise ed arrivare in tempo, e specificare come ogni singola modifica impatterà i vari gruppi di lavoro.
 
Anche se il mondo dell’IoT si sta lentamente assestando, ci saranno ancora novità a livello di stack tecnologico e nuove aziende inizieranno la propria trasformazione digitale. 
Seguendo questi passi e decidendo di iniziare un progetto pilota, nei prossimi mesi, grazie all’aiuto del giusto partner, sarà possibile iniziare ad apprezzare i benefici dell’IoT in maniera sostenibile per il business.

Nuove tecnologie per il tracking dei pallet

Pallet, contenitori, e unità di carico sono risorse chiave per l’intralogistica aziendale, che vengono utilizzate quotidianamente per realizzare i processi produttivi. Molto spesso però queste risorse vengono trascurate e non gestite con la dovuta cura, non perchè non siano importanti, ma perchè la spesso corretta gestione richiederebbe uno sforzo eccessivo.

Continue reading

Come scegliere una piattaforma IoT?

Benvenuti nell’era 4.0, in cui il digitale fa ormai parte delle nostre vite quotidiane e l’Internet Of Things sta diventando un fattore chiave per le aziende, che con queste tecnologie potrebbero raggiungere obiettivi ambiziosi, oppure pagarne le conseguenze.Questo articolo è una semplice guida per scoprire che cos’è una piattaforma IoT, i suoi vantaggi, e quale […]

Continue reading